I trasporti di Londra

Londra può farsi vanto di uno tra più vasti e completi sistemi di trasporto del mondo. Nonostante i londinesi veraci riescano a trovare anche qui il pelo nell’uovo, (ma cosa potrebbero dire allora assaporando un pizzico di trasporto pubblico italiano?) utilizzare i mezzi pubblici è sicuramente la miglior opzione per spostarsi da una parte all’altra della città.

Grazie alla combinazione dei vari trasporti a disposizione, la copertura anche delle zone più remote è capillare; cosa incredibile se si pensa all’estensione di questa metropoli.

Ma come è possibile raccapezzarsi in mezzo a questo groviglio di informazioni e realtà diverse? Cerchiamo di mettere un po’ di ordine analizzando singolarmente ogni possibilità.

La Metropolitana di Londra: vero vanto della città, famosissima in tutto il mondo e detta comunemente “The Tube”, include treni che si intersecano nella più grande rete sotterranea esistente (nonché la più antica, dato che la prima sezione della Metropolitan Line risale addirittura al 1863). La rete comprende anche una linea completamente in superficie (la Overground) che presenta le stesse tariffe delle altre.

La metro è il metodo più veloce è facile per muoversi anche per i visitatori appena arrivati in città, grazie alla chiarezza delle mappe (presenti in ogni stazione) e all’enorme quantità di segnali che ti guidano per i dedali sotterranei.

Il servizio è attivo tutti i giorni dalle 5:30 all’una di notte circa (può cambiare in base alle linee o eventi particolari) ed è alquanto caro se non si possiede nessun abbonamento (Oystercard e/o Travelcard) tanto che una semplice corsa può arrivare a costare anche 4.50 sterline!

Con le suddette “cards”, invece, i prezzi risulteranno molto più abbordabili: 2.10 sterline per una corsa pay as you go, 8.80 sterline per l’abbonamento giornaliero in Zona 1, 30.40 sterline per quello settimanale e così via, aumentando in base al periodo desiderato ed alle Zone servite. Prezzi TFL

Molto interessante notare che questi abbonamenti comprendano anche illimitati viaggi in bus, rendendo questa scelta la più completa dal punto di vista logistico e probabilmente la migliore per rapporto qualità/prezzo!

Bus: presenti sul 90% delle cartoline di Londra, i tradizionali autobus rossi sono una vista costante nelle strade della capitale; questo perché ogni giorno sono completati la bellezza di 5 milioni di viaggi con ben 700 diversi itinerari grazie ai quali ovunque ci si trovi si sarà sempre vicino ad una fermata.

Di solito gli autobus sono più veloci della metro per le brevi tratte (un paio di fermate di Tube), e generalmente al di fuori della Central London ci si ritroverà più facilmente vicino ad un Bus stop che ad una fermata della metropolitana.

Inoltre questo servizio , a differenza della Tube, è disponibile anche di notte, (nonostante sia più limitato nelle tratte) quindi può rappresentare la salvezza se ci si ritrova a fare le ore piccole lontano da casa (e se non si vuole accedere ad un mutuo utilizzando il taxi!)

La tariffa per una corsa è di 1.40 sterline (un pound in più, senza l’indispensabile Oyster) mentre l’abbonamento, che in questo caso non si divide per Zone, costa 19.60 sterline per una settimana, 75.30 sterline per un mese e 784 sterline per un anno.

Treno: il sistema ferroviario britannico è conosciuto come “National Rail” ed è gestito da diverse società private sotto contratto governativo. La maggior parte dei suoi servizi è disponibile nella zona sud della città, lontano quindi dai luoghi turistici. Solo una linea (la Thameslink) corre per la Londra più centrale.

Ci sono dodici stazioni principali che punteggiano il margine dell’area centrale, la maggior parte delle quali è collegata con la Central Line della Tube.

Fanno parte di questa rete anche i treni che collegano la città ai suoi quattro aeroporti (Airport Express Rail) per i quali però generalmente non è possibile utilizzare le Oystercards, ma bisogna comprare il biglietto alla tariffa premium.

Per questo servizio non esistono gli abbonamenti Travelcard, ma solo il pay as you go della Oystercard (paghi ad ogni utilizzo) che costa dalle 2.20 sterline per una corsa in Zona 1 fino a 6.70 sterline per la Zona 9; questi prezzi scendono sensibilmente al di fuori delle ore di punta.

Tram: nel sud di Londra esiste una piccola rete tranviaria chiamata “London Tramlink”. Consta di tre linee che circolano su 28 Km di rotaie; fu aperta nel 2000 per sopperire alla mancanza di collegamenti in questa zona. La stazione centrale è Croydon ed il biglietto per una corsa costa 2.30 sterline (1,35 sterline con la Oystercard).
Comodo sapere che l’abbonamento della Tube vale anche per il Tram!

Taxi: la capitale ha due tipologie diverse di taxi, il classico “black cab” ed il “minicab”; i primi sono gli unici con la licenza di raccogliere le persone dalla strada (nel senso letterale, soprattutto nei weekend quando gli inglesi – ma non solo inglesi – bevono troppe pints of beers) o farsi chiamare al volo. Partendo da 2,20 sterline di quota base hanno tariffe fisse in base alla distanza e al tempo impiegato, e sono guidate da persone estremamente preparate che difficilmente avranno bisogno di una mappa per individuare una destinazione.

I minicab sono invece taxi di compagnie private, e a differenza dei più quotati cugini possono essere prenotati solo per telefono o ad un apposito ufficio (se ne trova uno in ogni via principale). Sono solitamente meno costosi, ma non hanno tassametro e si fanno pagare per viaggio. Quindi è consigliabile stabilire la tariffa della corsa prima di partire.

Imbarcazioni: esistono diverse compagnie di navigazione sul Tamigi, ma solo Thames Clippers offre un vero e proprio servizio per pendolari. Il servizio è operativo dalle 6 fino a poco dopo le 22 ogni 20-30 minuti e parte dal molo London Eye Millennium Pier per arrivare fino ai Woolwich Arsenal Piers passando per ben otto fermate. Anche qui le tariffe cambiano in base alle zone coperte, ma non superano mai le 5.50 sterline. Con una Oystercard si può accedere ad uno sconto del 10%, mentre con la Travelcard del 33%. Per saperne di più http://www.thamesclippers.com/

Bicicletta: migliaia di londinesi usano la bicicletta per andare ogni giorno al lavoro. Le due ruote sono in generale un buon mezzo per spostarsi in città, anche se il traffico può spaventare chi non vi è abituato.
E’ soprattutto negli ultimi anni che Londra sta cercando di favorire ulteriormente lo sviluppo di questo mezzo di trasporto, aprendo le nuove superstrade ciclabili per i pendolari e lanciando programma Barclays Cycle Hire. Il servizio è particolarmente apprezzato dai turisti per il suo prezzo irrisorio; da 2 sterline per un giorno fino a solo 90 sterline per l’intero anno! (con possibilità ci corse fino a 30 minuti, per maggior tempo i costi tendono a salire) – BIKE

Finita la rassegna dei mezzi fondamentali, (chiediamo perdono ai conducenti di risciò particolarmente attivi nel centro città) concludiamo il discorso spiegando cosa sono le Oystercard e Travelcard tanto citate in precedenza.

La “Oyster” è una forma di biglietto elettronico usato nei trasporti pubblici nell’area della Greater London. Essa è promossa dal Transport for London ed è valida, come abbiamo visto, per diversi sistemi di trasporto intermodale. Costa 5 sterline di deposito all’attivazione, rimborsabili nel momento in cui la carta viene riconsegnata.
Ha il formato di una carta di credito di colore blu, che viene caricata prima del viaggio con diversi tipi di biglietti elettronici, e con appunto gli abbonamenti Travelcards (di corsa semplice, giornaliere, settimanali, mensili etc.)
La carta può essere facilmente ricaricata su internet o presso numerosi sportelli sia tramite addebito su carta di credito che su carta di debito (Bancomat). La carta è stata studiata per ridurre il numero delle transazioni in contante alle biglietterie delle stazioni e per facilitare il viaggio ai passeggeri. Il suo uso è incoraggiato con lo sconto delle tariffe caricate sulla carta rispetto ai biglietti acquistati per contanti. Le tariffe sono molto complesse e cambiano nella varie ore della giornata, quelle più aggiornate si possono trovare nel sito del Transport for London.

Non ci resta che augurarvi buon viaggio!

2 commenti
  1. Caterina
    Caterina says:

    Buongiorno,mi chiamo Caterina cosa consigliereste ad una persona che viene a Londra e deve utilizzare i mezzi per cercare lavoro,quale potrebbe essere la soluzione più economica?oyster piu travel card settimanale per le zone da 1 a 4?
    Grazie mille

    Rispondi
    • Teresa Pastena
      Teresa Pastena says:

      Ciao Caterina,
      La Oyster è senz’altro la soluzione più economica. La ricerca lavoro si fa online utilizzando agenzie di reclutamento o consultando siti di ricerca lavoro, quindi non avrai bisogno di spostarti da un posto all’altro. Se invece cerchi lavori nel Retail/ Hospitality, vale la pena stampare dei CV e girare a piedi in quartieri turistici e non.
      Good luck e se hai bisogno di aiuto con il CV, scrivi pure a info@cvandcoffee.com

      Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.